Anziani e Sicurezza

Sicurezza partecipata e attiva degli anziani – incontro presieduto da Giannetto Sarritzu

“Buon giorno signora! Siamo due tecnici incaricati di controllare il suo impianto idrico. Sembra che ci sia una perdita nel suo impianto interno. Può aprire la porta?”
“Signora, ho visto che è appena uscita dalla banca. Ci sono dei malviventi in giro. Se crede la scorto fino a casa sua.”
“Signore, siamo incaricati della sua banca, abbiamo motivo di credere che recentemente lei abbia ritirato delle banconote false. Vorremmo controllarle ed eventualmente sostituirle.”
E chi più ne ha più ne metta. Sono solo alcuni tentativi messi in atto da gente astuta e senza scrupoli che conta sull’ingenuità degli anziani e sulla loro debolezza.
Al fine di ovviare a tali misfatti il 14 Novembre 2017, nella Sala Affreschi dell’ex Convento dei Cappuccini a Quartu Sant’Elena, si è tenuto un incontro presieduto dal responsabile lega UIL – Pensionati Giannetto Sarritzu il quale ha ritenuto importante l’iniziativa perché, ovviamente, attraverso l’informazione si possono prevenire, con semplici accortezze, truffe e raggiri nei confronti degli anziani. Sarritzu ha sottolineato come la collaborazione con le forze dell’ordine attraverso la denuncia sia fondamentale.
Ha introdotto la riunione Giusy Speziga, segretaria regionale UIL, pensionati Sardegna che ha auspicato la diffusione a livello provinciale e regionale dell’iniziativa dibattuta nel corso della riunione al fine di rendere edotti gli interessati sulle tecniche dei raggiri e delle truffe.
Sui traumi psicologici derivanti dall’aver subito tali dolorosi e umilianti atti criminali, si è soffermata la psicologa- psicoterapeuta – criminologa Dottoressa Maria Felicina Atzeri.
Il Vice Sovrintendente Polizia di Stato Maurizio Mascia ha documentato la sua valida relazione con l’ausilio di diapositive e la citazione di casi di truffa realmente perpetrati ai danni degli anziani. Le conclusioni sono state effettuate dal Segretario Generale UIL Pensionati Sardegna Rinaldo Mereu, il quale non si è limitato a deprecare le attività criminali trattate nella riunione, ma ha voluto estendere le sue considerazioni allo stato di estrema povertà in cui vivono molti anziani e si è augurato che la sanità intervenga a favore degli stessi con adeguati presidi per cui la UIL dovrà confrontarsi con le Istituzioni, come peraltro ha sempre fatto, per l’ottenimento di un sensibile miglioramento delle condizioni dei più bisognosi.
Il sindaco di Quartu Sant’Elena Dottor Stefano Delunas ha portato il suo gradito saluto.

0 thoughts on “Anziani e Sicurezza”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *