L’ennesima trappola dell’internazionale globalista

in
Attualità, Esteri, Politica http://www.ecodeicomuni.it/wp-content/uploads/2018/11/gcm_logo-vertical_english-1.png http://www.ecodeicomuni.it/wp-content/uploads/2018/11/gcm_logo-vertical_english-1-150x150.png 0 http://www.ecodeicomuni.it/2018/11/26/lennesima-trappola-dellinternazionale-globalista/#respond
354

Si chiama Global Compact for Migration,ildocumento che l’Onu vuol far firmare ai paesi che si troveranno il 10 Dicembre a Marrakech.

Usa, Australia, Svizzera, Ungheria, Polonia hanno gia’ declinato l’invito, e non firmeranno coerentemente con la loro politica anti immigrazionista, il documento che l’Onu, organizzazione oramai convertita allo smistamento, in occidente, di masse provenienti dai paesi del terzo e quarto mondo, ha preparato per “blindare ” la liberta’ di emigrare di ogni popolo in altri lidi. L’Italia non deve cadere nel trappolone, l’ennesimo, di una organizzazione completamente asservita, da venti e piu’ anni a questa parte, a logiche irresponsabili di globalizzazione migrazionista, sono finiti infatti i tempi delle missioni umanitarie in “loco” nei territori in guerra, nell’invio di caschi blu, di creazioni di campi profughi, di ricostruzione delle comunita’ colpite dalle guerre. Ora e’ forse piu’ “redditizio” lo spostamento e i “traffici” di clandestini, economici e non, tutti accomunati dai termini “richiedenti asilo” o profughi, salvacondotto per equivoci spostamenti massivi, di ogni genere di abitante proveniente da paesi canaglia o “virtuosi”, in guerra o quasi, le cui identita’ occultate celano spesso criminali di ogni ordine e grado, terroristi, evasi, disertori, avventurieri, ragazzotti in cerca di una nuova vita, disperati, ricattati e furbastri. Il governo italiano Lega\5s sull’argomento pare estremamente riservato, e questo e’preoccupante,  soprattutto da parte della Lega, la quale da sempre ha fatto della opposizione all’immigrazione clandestina la sua battaglia primaria, si sa che il ministro Moavero(Mattarella) e’orientato alla firma, cosi come, a quanto pare il presidente del consiglio Giuseppe Conte, non riusciamo a comprenderne la logica se non dovuta a pressioni da parte di chiesa, lobbyes di stampo immigrazionista, vedi accordi con la Comunita’ di Sant’Egidio riguardo corridoi umanitari aperti dal governo, e lo stesso Mattarella, presidente anti sovranista, immigrazionista. Firmare il Global Compact  for Migration sarebbe un errore ferale per il governo e la lega in primis, sopratutto in termini di credito e consenso elettorale, proprio in un momento di grande ascesa nei consensi di Matteo Salvini. Confidiamo che venga al piu’ presto accolto l’appello accorato di Giorgia Meloni e di Fdi per non firmare il “trappolone” immigrazionista dell’ Onu.

http://www.ecodeicomuni.it/wp-content/uploads/2018/11/gcm_logo-vertical_english-1.png